Verdini senza ritegno: «Renzi è meglio del centrodestra con Salvini»

Denis Verdini è senza ritegno. Dopo aver votato la riforma costituzionale targata Boschi ed essere stato ricompensato ampiamente incassando tre vicepresidenti di commissione al Senato, ha confermato la sua “affiliazione” al Pd. E ha affermato che Renzi è meglio del centrodestra di Salvini. L’ex coordinatore di Forza Italia durante lo speciale di Enrico Mentana Bersaglio mobile in onda su La7 alla domanda del conduttore: “Non vota per il centrodestra?” ha, infatti, risposto: «Dipende da chi c’è, se è guidato da Salvini voto Renzi, non c’è alcun dubbio». E poi ancora: «I protagonisti di ora sono Renzi, Grillo e Salvini e in questo caso non ho dubbi, sono per Renzi». Quanto a Grillo e al suo movimento, «è una aggregazione inadatta al governo, tra urlare a fare c’è differenza».

Verdini spacca i dem

Poi, nel corso della trasmissione ha lanciato una stoccata alla minoranza dem che mal digerisce la sua liaison con Renzi e teme un ingresso nella maggioranza dei verdiniani: «Dal Pd mi tirano continuamente le pietre ma sbagliano. Il vero bersaglio si chiama Renzi. Avrebbero bisogno di una terapia di gruppo – ha ironizzato – perché il problema non sono io, sono loro, le loro incertezze il loro guardare sempre indietro, hanno la testa nel trapassato. E poi disconoscono il loro segretario che è premier…». E infine, consapevole  del suo ruolo di stampella al Senato per Renzi, ha sfidato i suoi oppositori: «Se io sono determinante al Senato? È vero, si rassegnino».