Usa, bambino uccide una coetanea con una pistola trovata in casa

Nuova tragedia delle armi da fuoco negli Usa, proprio nel giorno in cui Barack Obama annuncia una svolta sui controlli: una bimba di due anni è stata uccisa accidentalmente da un altro bambino con una pistola lasciata incustodita in casa. L’incidente è avvenuto in Georgia, in una casa a LaGrange, a sud ovest di Atlanta. Secondo la polizia nell’abitazione si trovavano due donne adulte e quattro bambini di 10, 3, 2 e un anno. Uno di loro ha trovato la pistola e ha sparato alla piccola. La vittima, identificata come Calvinyanna Sanders, è stata colpita al petto. La polizia sta indagando sulla dinamica per capire come il bambino che ha sparato è riuscito a entrare in possesso dell’arma nonostante in casa ci fossero due adulti.

La bambina colpita con la pistola aveva due anni

Secondo la polizia, i soccorsi sono stati rapidissimi: la piccola è stata caricata su un elicottero e portata all’ospedale di Egleston, ma non c’è stato nulla da fare. La polizia ha recuperato l’arma nell’appartamento e sta svolgendo interrogatori per capire come mai un bambino sia riuscito a entrare in possesso dell’arma. Le autorità hanno anche diffuso un numero d’emergenza a disposizione di chiunque abbia informazioni in merito alla tragedia. Negli Stati Uniti le vendite di armi sono molto aumentate: nel mese della sparatoria di San Bernardino, in California, sono state vendute due milioni di armi. La media mensile si aggira sul milione e mezzo di armi da fuoco vendute negli Stati Uniti.