Un selfie con “baffone”: impazza la App per fotografarsi in stile Stalin

Stalin che si pettina, Stalin che fuma, Stalin che si rilassa con le braccia incrociate dietro la testa, Stalin che guarda dritto in camera, facendosi il più classico dei selfie. La versione russa di Instragram è letteralmente invasa dal volto del dittatore o, per meglio dire, dalla stalinizzazione dei volti degli utenti. Merito (o colpa) di una nuova App che impazza tra i cittadini della Federazione e che consente, appunto, di trasformare i tratti del proprio viso in quelli del “baffone”.

La App che fa “rivivere” Stalin

La App, prodotta da una compagnia chiamata Masquerade Technologies, oltre a quella in Stalin, consente una quindicina di trasformazioni del viso: dal cantante trans austriaco Conchita Wurst a un teschio, fino a una scimmia. Ma è proprio il volto di Stalin, che è tra l’altro l’impostazione standard della App, ad andare per la maggiore fra gli utenti, che in poco tempo hanno fatto della stalinizzazione una vera e propria tendenza social.

Il segno di una rivalutazione del dittatore?

Secondo gli osservatori, dietro il fenomeno non vi sarebbe solo un modo semplice per divertirsi con i social, ma il segnale di una tendenza alla rivalutazione di Stalin, a dispetto dei gravissimi crimini contro l’umanità che compì, che sta attraversando la Russia e che si riscontrerebbe, tra l’altro, nell’apertura di diversi centri studi intitolati al dittatore.