La Ue: Roma ultima per qualità della vita, trasporti, pulizia, amministrazione

L’ultimo schiaffo a Roma, al Pd e a Ignazio Marino, arriva da Bruxelles. Un sondaggio di Eurobarometro, il servizio della Commissione Europea, istituito nel 1973, che misura ed analizza le tendenze dell’opinione pubblica in tutti gli Stati membri e nei Paesi candidati, condotto fra maggio e giugno 2015 con oltre 40 mila interviste in 79 città europee e con un focus sulle capitali svela ora che fra i cittadini delle 28 capitali europee, i romani brillano per insoddisfazione in termini di qualità della vita rispetto agli altri in tutti i principali settori analizzati.
In primis i trasporti, poi la pulizia delle strade, fino all’amministrazione, il quadro è decisamente desolante.
Roma è l’ultima in classifica sul fronte mezzi pubblici: secondo Eurobarometro, solo tre cittadini su dieci sono soddisfatti, contro gli otto di Londra (86 per cento) e Berlino (84 per cento), Parigi (79 per cento) e Atene (72 per cento).
Nel campo dell’assistenza sanitaria, Roma si piazza al 22mo posto, con il 47 per cento di abitanti soddisfatti, poco più di Bucarest (40 per cento), mentre Atene è ultima in classifica (33 per cento).
Nove romani su dieci si lamentano della pulizia (91 per cento), all’ultimo posto fra le capitali Ue. Un dato sul quale non solo l’Amministrazione cittadina ma anche l’Ama, la municipalizzata capitolina, dovrebbe riflettere.
Se poi si allarga lo sguardo ad altre città, più insoddisfatti dei romani sulla qualità della vita ci sono solo i palermitani (92 per cento), mentre i napoletani sono meno scontenti (78 per cento).
Roma è anche in fondo alla classifica per la soddisfazione delle condizioni di strade ed edifici (80 per cento), seguita da Palermo e Napoli (78 per cento), Sofia (71 per cento) e Atene (67 per cento).
Roma e altre cinque città italiane compaiono agli ultimi posti nella qualità della vita anche per quanto riguarda l’integrazione con gli stranieri, considerata “buona” solo dal 47 per cento degli intervistati nella Capitale.
Oltre la metà degli intervistati romani (54 per cento) poi non si sente sicuro (terzultimo posto fra le 28 capitali), mentre appena il 27 per cento pensa che l’amministrazione della città sia efficiente, collocando la Città eterna in fondo alla classifica della qualità della vita delle capitali europee. Con buona pace di Ignazio Marino, di Orfini, Renzi e del Pd. Che stanno facendo di tutto per cercare di rimetterci sopra le manacce.