Sondaggi, cresce il fronte anti-Renzi. Fratelli d’Italia al 5%, sale la Lega

Buone notizie in casa del centrodestra, dei singoli partiti che, ancora divisi, compongono lo schieramento alternativo a Renzi, che si conferma in debito d’ossigeno.

Sondaggi politici dell’anno nuovo

Per Fratelli d’Italia il nuovo anno inizia sotto i migliori auspici superando nelle intenzioni di voto degli italiani la soglia del 5 per cento, in crescita anche la Lega, stabile o in lieve calo nelle ultime settimane del 2015. Il Carroccio si conferma a oggi il primo partito del rassemblement di centrodestra.

Fratelli d’Italia tocca il 5

Secondo l’ultimo sondaggio realizzato da Ipr e Techné per Porta a Porta, infatti, il partito di Giorgia Meloni conquista (secondo entrambi gli istituti demoscopici) mezzo punto percentuale e si attesta al 5 per cento. Anche la Lega di Matteo Salvini cresce di mezzo punto e arriva a quota 15,5 per cento (secondo Techné) e 14,5 (secondo Ipr) In calo Forza Italia. che però Ipr e Techné fotografano in modo diverso: per il primo Berlusconi perderebbe due punti scendendo al 10 per cento, mentre per Techné la perdita sarebbe ridotta allo 0,5 per cento. In calo il Pd di Renzi secondo l’Ipr che fotografa il partito del premier al 30 per cento (- 2 per cento rispetto all’ultima rilevazione) mentre per Teché sarebbe al 31 per cento. Continua la crescita dei Cinquestelle che arrivano a toccare il 29 per cento dei consensi virtuali degli italiani secondo entrambi gli istituti.

Scompaiono Idv e Scelta civica

Stabile Sel al 4 per cento, secondo Ipr, lievemente ridimensionata al 3,5 secondo Techné. Stabile anche l’Ncd-Udc (area popolare) di Angelino Alfano, che arranca sempre in bilico tra il 2,5 e il 3 per cento, in calo anche l’Idv alo 0,5 per entrambi i sondaggisti, Scelta civica praticamente insistente, monitorata allo 0,2 per cento.