Giovanissimi rom di 9 e 11 anni presi con un bottino di 20mila euro

L’amara sorpresa. In un quartiere periferico di Roma un uomo rientra a casa e nota che tre giovanissimi rom escono dal palazzo. Si insospettisce, nota che la finestra della propria camera da letto ha chiari segni di effrazione, capisce che c’è stato il furto nel suo appartamento. Tutti i suoi oggetti preziosi sono spariti. Chiama i carabinieri di Tor Vergata che riescono a rintracciare e bloccare due dei tre ladri e si rendono conto che si tratta di rom con un’età dai 9 agli 11 anni, già esperti a penetrare nelle case.

I giovanissimi rom con il ricco bottino

I due giovanissimi rom hanno una lunga sfilza di rpecedenti. Trasportavano una busta con all’interno alcuni orologi e parte dei preziosi rubati nell’abitazione dell’uomo. Dal successivo controllo, i militari hanno scoperto che i due ragazzini, oltre ai preziosi già consegnati ai militari, avevano occultato, in una scarpa, le collane e i bracciali in oro, e – il più piccolo – aveva nascosto nei pantaloni 1100 euro, tutti in banconote da 50 euro. La refurtiva – del valore stimato in circa 20mila euro – è stata interamente recuperata e restituita alla vittima. Entrambi i minori, dei quali non si è riuscito a rintracciare i genitori né familiari, sono stati accompagnati presso il centro di primissima accoglienza per minori, di Roma via Annibale Maria di Francia.