Passante ucciso da immigrato ubriaco: scoppia la protesta a Genova

Manifestazione spontanea di cittadini con blocco stradale in via Canepari, nel quartiere Certosa di Genova, sul punto dove poche ore prima un ecuadoriano ubriaco e drogato ha travolto e ucciso un pensionato 59enne, fermo sul marciapiede ad aspettare il bus. La protesta è scattata alle 18,15 e ha costretto i vigili urbani a deviare il traffico. Sul posto anche pattuglie dei carabinieri. I residenti protestano contro l’elevato numero di incidenti e risse provocati nei fine settimana dagli immigrati della comunità sudamericana ubriachi. «Non ci spostiamo di qua – hanno gridato i manifestanti ai vigili urbani – se non arriva il sindaco di Genova». Il primo cittadino genovese, Marco Doria, guida una giunta rossa e si batte quotidianamente contro chiunque osi porre qualche interrogativo sull’integrazione dei migranti in città.

Il pirata della strada di Genova positivo anche alla cocaina

L’automobilista ecuadoriano stava tornando verso casa alle 11 del mattino dopo una lunga notte insonne passata in una “fiesta” a base di birra e coca che stamane alla guida della sua Fiat Stilo ha travolto e ucciso un ex finanziere di 59 anni che aspettava l’autobus. Le sue condizioni psicofisiche erano visibilmente precarie, come hanno testimoniato i cittadini che hanno assistito all’incidente e lanciato l’allarme. La ricostruzione della giornata dell’arrestato è stata possibile grazie alle indagini svolte dai poliziotti municipali della sezione infortunistica. L’arrestato, Jorge Wilson Valverde Cevallos, 35 anni, operaio, è accusato di omicidio colposo e guida in stato di alterazione e stato trasferito nel carcere di Marassi. Le analisi cliniche a cui è stato sottoposto in ospedale hanno rivelato che nel suo sangue c’era oltre il triplo di alcol previsto dalla legge, 180 contro 50, e tracce di cocaina. L’ecuadoriano, nato a Guayaquil è residente in via Rossini, strada nella periferia di Genova, non lontano da via Canepari dove è avvenuto l’incidente. La vittima, Giuseppe Buttaro, 59 anni, residente ad Albissola Superiore, era un ex finanziere in pensione.

Toti: “Basta tollerare l’illegalità!”

Sulla questione è intervenuto anche il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti.”Basta tollerare l’illegalità! Vogliamo più sicurezza sulle strade, più controlli, più militari. Vogliamo una Genova più sicura”. Il governatore ligure lo scrive su Facebook e Twitter. Il presidente della Regione Liguria esprime le condoglianze alla famiglia della vittima a nome di tutta la giunta.