Il Papa: la famiglia è una sola, non la confondiamo con altri tipi di unione

Nel suo discorso alla Rota romana papa Francesco ha detto che per la Chiesa “non può esserci confusione tra la famiglia voluta da Dio e ogni altro tipo di unione” e “quando la Chiesa, tramite il vostro servizio, (dei giudici rotali, ndr), si propone di dichiarare la verità sul matrimonio nel caso concreto, per il bene dei fedeli, al tempo stesso tiene sempre presente che quanti, per libera scelta o per infelici circostanze della vita, vivono in uno stato oggettivo di errore, continuano ad essere oggetto dell’amore misericordioso di Cristo e perciò della Chiesa stessa”. Il Papa, ricevendo in udienza prelati uditori, officiali e avvocati del Tribunale della Rota Romana, ha esortato a considerare nella giusta ottica gli errori che riguardano la sacramentalità del matrimonio: “La qualità della fede non è condizione essenziale del consenso matrimoniale” e “le mancanze della formazione nella fede e anche l’errore circa l’unità, l’indissolubilità e la dignità sacramentale del matrimonio viziano il consenso matrimoniale soltanto se determinano la volontà”. Parole particolarmente importanti proprio in queste giornate di vivace dibattito sul ddl che formalizza le unioni civili e rispetto al quale sono stati anche sollevati dubbi di costituzionalità proprio perché il testo fa confusione tra matrimonio riconosciuto dalla Costituzione e altre forme di unione.