Massacro nazista ad Ascq (Francia): perquisite le case di ex-SS novantenni

Numerose abitazioni di ex membri della dodicesima divisione “Hitlerjugend” delle SS sono state perquisite oggi in diversi Laender. Tre uomini sono accusati di aver preso parte durante la seconda guerra mondiale al massacro di 86 abitanti – tra i 15 e i 75 anni – nella cittadina di Ascq, oggi Villenueve d’Ascq, nella Francia settentrionale. Il massacro era avvenuto il primo aprile 1944. Lo ha reso noto a Dortmund la procura che indaga sui crimini del nazismo. Il procuratore Andreas Brendel ha detto che i tre sospettati, tutti intorno ai 90 anni, hanno ammesso di aver fatto parte dell’unità militare che era ad Ascq (oggi Villeneuve d’Ascq), cittadina alla periferia di Lille, ma hanno smentito di aver preso parte al massacro. “Uno di loro ha detto di non essere neppure stato sul luogo”, ha aggiunto, “comunque il loro ruolo in questo crimine di guerra è oggetto delle indagini”. Due degli accusati risiedono nella zona di Dresda, il terzo nei pressi di Hannover. L’episodio riapre il dibattito sull’opportunità, a distanza di decenni da quegli orribili episodi, di cercare i responsabili tra vecchi quasi centenari che peraltro si difendono sempre con la stessa argomentazione, quella cioè di avere obbedito agli ordini. 

L’eccidio fu compiuto nella notte fra il 1° e il 2 aprile 1944 per rappresaglia, dopo un attentato dei partigiani francesi a un treno che trasportava un battaglione di rinforzo alle truppe tedesche della dodicesima divisione corazzata delle SS. Fu il tenente Walter Hauck a prendere la decisione del massacro, intimando ai partigiani francesi di consegnarsi per non far scattare la rappresaglia. La strage fu fermata da un tenente del comando tedesco di Lille, Fricke, venuto a conoscenza della vicenda. Ma ormai erano appunto state uccise oltre 80 persone. Al termine della guerra, Walter Hauck fu catturato con altri otto partecipanti all’eccidio, processato da una corte marziale francese e condannato a morte. La pena venne poi convertita in ergastolo e, nel 1957 Hauck fu graziato e liberato.