Maria Elena Boschi, l’ironia del web affonda Nostra Signora del Governo

Povera Boschi. Povera Maria Elena. A Nostra signora del Governo e delle Riforme non sembra essere stato sufficiente rimanere in silenzio. Né parrebbe le sia bastato sparire per un po’, riapparire fugacemente e nuovamente sparire. Banche, parenti e sospetti l’inseguono. Che poi, dev’essere parecchio fastidioso passare da sogno segreto dell’italiano medio a incubo quotidiano del risparmiatore. Roba da occhiaie e tranquillanti a go-go. Povera Maria Elena Boschi. C’ha addosso tutti oramai. Ironie e battutacce si sprecano. Con quel moltiplicatore pecoreccio che è il web che tutto dilata e amplifica. Così è la rete. Così, dapprima l’ha coccolata e fatta emergere. E così adesso ne sta devastando l’immagine. Della Maria Elena Boschi perfettamente integrata nel gioco politico e istituzionale, sorridente, omaggiata e disponibile e persino sorniona e accomodante non v’è più traccia. Sparita. Inghiottita dall’allegra gestione del patatrack di una Banca di cui il paparino era vicepresidente e nella quale ci lavoravano nuora e fratello. Colpita dalla ferocia disperata di tanti risparmiatori truffati. Del resto, coi soldi, soprattutto se di risparmi si tratta e di famiglie intere, non si scherza. Non si può. Perchè, nel caso, ironia e sberleffo sono ovviamente il minimo sindacale da indirizzare contro il potente. Contro interessi veri o solo presunti. Così leggi la prima pagina del “Vernacoliere” strillata in bella vista nell’edicola sotto casa e lo sghignazzo fuoriesce spontaneo: “Banca Etruria, Maria Elena è salva! L’Unesco: Il Culo della Boschi Patrimonio dell’Umanità. Ora ‘un la possano più toccà!“. Oppure smanetti su You Tube a caccia di curiosità e ti imbatti nell’ultima canzoncina della Sora Cesira: “Sora Cesira e suo Papà“(www.youtube.com). Solo un paio di esempi. Esempi che spiegano più di qualsiasi analisi. Se ne è accorto Renzi. L’ha capito subito, il furbastro fiorentino. E, infatti, mentre dapprima i due sembravano inseparabili, pappa e ciccia, improvvisamente insieme non si sono più visti. E la di lui difesa è apparsa fin troppo blanda. Cose che capitano, cose della politica e della vita. Così la Maria Elena Boschi rischia di essere un’altra meteora della politica. L’ennesima. In attesa della prossima.

Boschi sul Vernacoliere