Genova, devastato circolo Pd. La solidarietà arriva da Forza Nuova

Solidarietà al Pd da parte di Forza Nuova. Succede a Genova, dove la notte scorsa è stato vandalizzato il circolo di via Cantore, dove è iscritta tra gli altri il ministro della Difesa Roberta Pinotti. «Devastare una sede politica è un atteggiamento di delinquenza politica che noi rifiutiamo», si legge in una nota della segreteria provinciale di Fn, in cui è sottolineato che «desideriamo esprimere vicinanza al Pd».

La solidarietà di Forza Nuova al Pd

Un gesto che Fn ha deciso di compiere «anche se loro – si legge ancora nella nota – non hanno mai espresso solidarietà per le numerose volte in cui la nostra sede negli anni e anche ultimamente è stata oggetto di particolari attenzioni e tentativi di assalto o quando è stata devastata la targa di Ugo Venturini», il militante del Msi, di 32 anni, ucciso a Genova nel maggio del 1970 durante un comizio di Giorgio Almirante.

I vandali in azione nel circolo del ministro Pinotti

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, i vandali sono entrati nella sede del Pd da una finestra del primo piano e hanno dato fuoco ai cestini della carta e ad alcuni faldoni di documenti, cercando anche di portare via dal muro una piccola cassaforte. Mobili, porte e finestre sono stati inoltre presi a picconate. Sui muri, poi, sono state lasciate alcune scritte, che però non presentano alcun riferimento politico: «Dove è finita la cassaforte», «Love» e il nome «Diego». L’attacco non è stato rivendicato, ma la mattina prima che avvenisse due persone avevano chiesto ad alcuni condomini dove si trovasse il circolo. Gli investigatori non escludono dunque alcuna pista.