Epifania tradizionalista: la calza con i dolci batte ancora i giocattoli

 

Epifania 2016 nel segno della tradizione. Anche quest’anno, in occasione della Befana, più di un italiano su tre (il 36%) ha regalato a figli e nipoti la tipica calza piena di dolci. Una quota quattro volte superiore a quella di coloro che hanno scelto di regalare ai più piccoli un giocattolo (9%). La spesa media prevista per le celebrazioni della ricorrenza quest’anno è di 64 euro a testa, in leggero calo rispetto all’Epifania 2015. E’ quanto emerge dal sondaggio Confesercenti-SWG sui consumi degli italiani in occasione del sei gennaio.

Se la calza rimane un cult, si registra comunque un aumento di chi utilizza la scusa dell’Epifania per fare regali diversi dai soliti dolci e giocattoli. Quest’anno a mettere sotto il caminetto doni alternativi è il 12% degli italiani (erano il 10% lo scorso anno) probabilmente approfittando della concomitanza con l’inizio del periodo dei saldi invernali, che offre importanti occasioni di risparmio. Scende, invece, al 29% (era il 34% nel 2014) il segmento di intervistati che ammette di non fare proprio regali per questo appuntamento festivo, mentre salgono, dal 12% dello scorso anno al 14% del 2015 gli italiani che affermano di non avere figli o nipoti a cui dedicare le proprie attenzioni.