Dal Pd a Forza Nuova: ecco chi ci sarà nella piazza del Family day

Oggi scende in piazza il popolo del Family day e alla vigilia intervengono i vescovi. «È in corso l’equiparazione tra matrimonio e unioni civili, con l’introduzione di un’alternativa alla famiglia», denuncia un comunicato del Consiglio episcopale permanente che si è riunito dal 25 al 27 gennaio scorsi, ma solo ieri ha fatto uscire la nota di denuncia contro il disegno di legge Cirinnà, alla vigilia della manifestazione del Circo Massimo. Il premier Matteo Renzi avrebbe raccomandato una linea di rispetto per la piazza in attesa del voto slittato all’8 febbraio. Anche per questo si è deciso di rinviare alla prossima settimana l’assemblea del Pd. «Ma la legge si farà», conferma il ministro Maria Elena Boschi.

Oggi in piazza oltre un milione di persone

Si comincia oggi alle 14. Massimo Gandolfini, il chirurgo di Brescia promotore del Family day, lo ha detto e ripetuto; «Saremo oltre un milione di persone». E la conta sarà stata fatta sui pullman, sui treni, sulle adesioni a questo comitato che già nel giugno scorso aveva rodato la macchina organizzativa per dire si alla famiglia tradizionale e un no netto alla legge sulle unioni civili. La politica non mancherà. Più di 200 parlamentari hanno aderito alla manifestazione, tra questi la delegazione di Ncd è la più numerosa. Del governo ci sarà il ministro dell’Ambiente dell’Udc, Gianluca Galletti, mentre il titolare dell’Interno Angelino Alfano ci sarà «con il cuore» insieme al ministro della Salute Beatrice Lorenzin, in viaggio in Ciña. Dal Pd ha dato la sua adesione entusiastica il deputato Beppe Fioroni: «Nel 2007 ho partecipato da ministro, figuriamoci se non vado ora». Ci saranno in tanti di Ncd, in testa il capogruppo al Senato Renato Schifani. Ma ieri è stata la deputata dell’Udc-Ap Paola Binetti a polemizzare con l’alleato Ncd all’indomani delle nomine del governo: «Se Ncd rinuncerà a votare secondo i suoi principi non escludo la separazione di Udc e lo scioglimento di Area popolare».

Anche rappresentanze di Pd, Udc e Ncd in piazza

In piazza anche i parlamentari di Lega e Fratelli d’Italia, capitanati da Giorgia Meloni, i fíttiani di Conservatori e riformisti, mentre per Forza Italia hanno detto il loro si convinto il capogruppo della camera Renato Brunetta e il vicepresidente del Senato Maurizio Gasparri. Non manca all’appello l’estrema destra di Forza nuova che al Circo Massimo arriverà in compagnia di CasaPound e ciò fa temere che il clima possa degenerare. Il gruppo Giuristi per la vita, che partecipa all’organizzazione, ha diffuso un vademécum con indicazioni per la manifestazione: non parlate con «contestatori», «provocatori» e soprattutto «con i giornalisti»; «rimanete in gruppo». A tutti i partecipanti arriva un appello dell’Agedo, associazione che riunisce genitori, parenti e amici di omosessuali: «Sarete in migliaia in piazza e nonostante facciate fatica a immaginarlo, è statisticamente sicuro che tra i vostri figli vi siano molti ragazzi e ragazze che, anche se non vi hanno mai confidato nulla, sono gay, lesbiche, bisessuali e transgender e in questo momento si stanno chiedendo se avranno una vita felice come tutti i loro amici oppure no», riporta “il Corriere della Sera”.