Cibo coi parassiti in una scuola d’infanzia: la denuncia dei genitori

Pietanze invase da parassiti serviti come pasto di piccoli alunni di una scuola d’infanzia: e le mense scolastiche tornano nel centro del mirino. È accaduto a Stefanaconi, (in provincia di Vibo Valentia) e stavolta il germe del malcontento è nella qualità del vitto servito ai bambini – e per fortuna non consumato dagli alunni – risultato a dir poco immangiabile…

 Se a scuola, a mensa, servono pietanze invase dai parassiti

Dunque, stavolta non si tratta di polemiche legate al cibo – di scarsa quantità o qualità – somministrato aigli studenti in reazione al mancato pagamento della retta del vitto scolastico. E non si disquisisce neppure sull’opportunità o meno di far conoscere ai piccoli commensali menù etnici e stravaganti; né, tantomeno, si argomenta sulla validità – o priorità – di principi nutrizionisti e scuole di pensiero gastronomiche. Stavolta la denuncia è davvero netta e chiara: sarebbero stati somministrati – e per fortuna però non consumati – ai ragazzini di una scuola d’infanzia, piatti letteralmente invasi da parassiti. È quanto accertato dai carabinieri della Compagnia di Vibo Valentia e del Nas di Catanzaro che hanno denunciato il titolare di una ditta di catering elevandogli sanzioni per un totale di 2.000 euro.

L’indagine dei carabinieri sulle norme igienico-sanitarie

Scattata la denuncia sono immediatamente partiti i controlli, che sono stati eseguiti dai militari all’interno delle mense degli istituti di Stefanaconi e Sant’Onofrio per verificare il rispetto – o meno – delle norme igienico sanitarie. E come era facilmente prevedibile, i carabinieri hanno constatato che, nei locali adibiti alla cottura da parte della ditta che fornisce il vitto agli alunni della scuola dell’infanzia vi erano carenze dal punto di vista igienico sanitario. Sentito il personale scolastico è stato quindi accertato, come riferito poi dai militari, che il 15 gennaio il vitto somministrato ai bambini era letteralmente invaso da parassiti. Una “amara” – diciamo così – conferma di quanto i genitori dei piccoli alunni sospettavano e denunciavano già da un po’: la qualità del vitto servito a mensa a Stefanaconi era a dir poco discutibile…