Le api arrivano sul balcone di casa: miele a volontà in tutte le città

Le api e il miele. Binomio inscindibile. E gustoso. Perciò pare stia diventando quasi una moda allevare api in città. Anzi, un vero affare.  Perchè sembrerebbe che, nelle migliori condizioni, allevare api può garantire fino a 10 kg di miele. Il tutto con una spesa inferiore ai 400 euro, ape regina inclusa. Sull’onda del successo dell’orto urbano da terrazzo e verticale, si sta facendo in effetti largo la voglia di diventare apicoltore metropolitano. E le ragioni ci sono tutte. Unico organismo del mondo animale in grado di consegnare il prodotto finito pronto per il consumo, senza bisogno di trasformarlo, l’ape è un’ottima sentinella dell’inquinamento ambientale in cui vive, assai utile di questi tempi (se muore o sciama indica un ecosistema a rischio); facile da allevare, ha un raggio di volo di circa 8 km e si rigenera velocemente avendo una durata di vita media relativamente corta. Diventare apicoltore urbano è facile, dalla maschera con camiciotto e veletta di tulle ai guanti, dall’arnia da balcone ai mini favi, ai corsi didattici in aula; il primo parte a febbraio a Milano, 5 incontri teorici e pratici per conoscere il mondo delle api, da come gestire un alveare sul balcone della propria abitazione, alle operazioni per l’estrazione del miele, alla legislazione necessaria con le regole da rispettare.