Stalking, anche dai domiciliari perseguitava la ex: arrestato

Stalking, un caso come tanti che, per una volta almeno, e per fortuna, ha evitato l’epilogo tragico. A dimostrazione che, l’intervento preventivo e tempestivo può evitare il peggio che è sempre dietro l’angolo. Le avvisagli, infatti, ci sono sempre, e anche questa volta erano tutte state portate all’attenzione di chi di dovere che, sollecitato dalle ripetute denunce della vittima di turno, ha pensato ben e di spezzare la catena di osessive ritorsioni e minacce con cui un giovane fidanzato lasciato dalla ragazza aveva èensato bene di risponder alla decisione di interrompere la relazione.

Stalking, perseguitava la ex anche se era ai domiciliari

Non mollava la presa l’ex fidanzatino, tanto che nonostante fosse ai domiciliari per stalking – già ampiamenrte praticato nei confronti della sventurata ex –  ha continuato a perseguitare la vittima, oggetto della sua ossessione. Il protagonista è un diciottenne, Luciano Galzarano, al quale la squadra mobile di Catanzaro ha notificato un provvedimento con il quale il giudice ha disposto la detenzione in carcere. Una decisione, quella della custodia cautelare presso un istituto di pena, arrivata dopo un altro arresto, avvenuto nei mesi scorsi, quando il ragazzo era già stato arrestato per aver  in molte occasioni, ripetutamente, minacciato l’ex fidanzata di riprendere la loro relazione. Un desiderio morboso quello del ragazzo, seguito nonostante fosse ai domiciliari, e sfociato come sempre accade in atteggiamenti ossessivi sulle prime, altamente pericolosi per la propria incolumità, poi: non è un caso, allora, che tra le vessazioni subìte dalla ex fidanzatina, figuri anche l’incendio dell’auto. Tanta paura, tanta pressione e, per fortuna, almeno in questo caso, tanta fermezza nell’evitare l’irrimediabile.