A Roma niente Capodanno in piazza: destra e sinistra unite contro Tronca

A rischio il Capodanno in piazza a Roma. Sembra essere questa l’intenzione del commissario straordinario Tronca. Troppe risorse da investire per altre emergenze: i romani dovranno rinunciare al brindisi durante il tradizionale concerto offerto gratuitamente dal Campidoglio. Un’usanza che andava avanti da anni e sulla quale manca ancora però un pronunciamento ufficiale. Una scelta che danneggerà l’immagine della città? Così la pensa Forza Italia che, per bocca del coordinatore romano Davide Bordoni, invita Tronca a non fare un passo maldestro: “Niente festa, niente Roma. Da quasi un quarto di secolo la Capitale festeggia il Capodanno con eventi pubblici, musica e concerti in piazza. E ora apprendiamo che tutte le iniziative, anche quelle più periferiche, sono state bloccate dal Campidoglio. Senza festeggiamenti pubblici si rompe una tradizione cara ai romani, si incrina parte dell’identità della Capitale”. Un “accorato” appello giunge al commissario da parte dell’ex gruppo Pd di Roma Capitale: “A Capodanno non si spenga la città e si dia modo ai romani e alle romane di vivere in quelle strade e in quelle piazze che, proprio alla fine dell’anno, sono animate da eventi e appuntamenti. Il danno arrecato a Roma sarebbe enorme, non solo in termini di credibilità, ma anche per un vuoto culturale e commerciale che la città non merita”.