Parlamento, ecco quanto costano i partiti. Lo scandalo del Gruppo misto

Più  di 50 milioni di euro l’anno. Tanto costano a Camera e Senato i partiti (gruppi politici) presenti nei due rami del Parlamento Nel solo 2014 Montecitorio e Palazzo Madama hanno stanziato rispettivamente 32 e 21,3 milioni di euro per le formazioni elette alle politiche. Da inizio legislatura a  marzo 2013  il totale calcolato sui due anni è di 106,7 milioni di euro.

I partiti e le casse

Il denaro viene suddiviso in base alla composizione dei partiti. Ogni partito riceve un contributo destinato al proprio funzionamento: più è grande  (più parlamentari vi risultano iscritti ) e più soldi riceverà.  Secondo i dati Openpolis per Repubblica.it, è stato possibile valutare l’apporto fornito da ciascun parlamentare iscritto proprio a partire dal contributo annuo stanziato da Camera e Senato. Si tratta di circa 50mila euro a deputato e di oltre 67mila euro a senatore. Gli “sprechi” riguardano soprattutto il valzer dei ribaltonisti, non a caso il Gruppo misto (a causa dei numerosi cambi di casacca) è tra i “partiti” più numerosi e meglio pagato.

Spese per gli impiegati

Il 70 per cento delle spese dei gruppi parlamentari riguardano gli impiegati. E vediamo la situazione gruppo per gruppo. Area popolare (Ncd più Udc), nata dopo il 2013, ha subìto molte variazioni nel corso della legislaturaFratelli d’Italia, che è presente solo alla Camera, non ha cambiato la sua consistenza nei due anni di riferimento e quindi il maggior contributo è dovuto ai maggiori mesi di attività del parlamento. Non solo, ma il partito guidato da Giorgia Meloni è uno dei pochi gruppi in cui il rapporto personale-deputati è di 1 a 1.

Tutti i numeri

Forza Italia è il gruppo che ha subìto le perdite maggiori di iscritti da inizio legislatura. A oggi risulta avere 35 deputati in meno alla Camera e 48 senatori in meno al Senato e dunque ha perso quasi 5 milioni di euro l’anno. Lega Nord riceva quasi 4,6 milioni di euro: una percentuale molto alta, oltre l’11% a Montecitorio e il 12% a Palazzo Madama, è stata spesa in comunicazione. Nessun altro gruppo in Parlamento raggiunge le percentuali del Carroccio. Il Movimento 5 Stelle da inzio legislatura ha incassato 13,4 milioni. Il Partito democratico è il gruppo più numeroso in tutti e due rami del Parlamento: da inizio legislatura ha avuto entrate pari a 38,5 milioni di euro, finendo tanto il 2013 quanto il 2014 con un avanzo di bilancio. Le entrate del gruppo Misto sia alla Camera sia al Senato sono fortemente legate agli esborsi per il personale (circa l’80%). A oggi, la crescita  del suo contributo è pari a 2 milioni l’anno.