Occupazioni abusive, una romena minaccia di ferire il figlio di 5 anni

Per opporsi a uno sgombero di un appartamento Aler, in via degli Apuli a Milano, che aveva occupato abusivamente, ha rotto una lampadina e si è fatta scudo del suo bambino di cinque anni, minacciando di ferirlo. I carabinieri del Nucleo Radiomobile, intervenuti in sostegno del personale Aler, sono riusciti a sottrarle il piccolo e la donna, una romena di 26 anni, si è scagliata contro i militari con in mano i cocci della lampadina e li ha aggrediti a calci e pugni. Un carabiniere ha avuto una lesione a un ginocchio giudicata guaribile in 20 giorni. La donna è stata arrestata per resistenza e violenza a pubblico ufficiale e denunciata per l’occupazione abusiva. Il bambino è stato affidato all’associazione onlus Arca.

Per gli sgomberi è sempre scontro

Non solo la vicenda della romena. Sempre a Milano aveva fatto notizie e creato polemiche il maxi-sgombero in zona Corvetto dove le forze dell’ordine liberarono 56 appartamenti Aler, tutti in un unico palazzo che era noto nel quartiere per essere stato occupato al cento per cento da abusivi, soprattutto di origine sudamericana. Forse è stato l’unico caso in tutta la città di un palazzo in cui nessun inquilino era regolare.