Los Angeles, allarme bomba senza precedenti: chiuse tutte le scuole

A pochi giorni dalla strage di San Bernardino, in California, c’è un nuovo grave allarme nello Stato. Le scuole di Los Angeles resteranno chiuse nelle prossime ore a seguito di alcune minacce definite credibili dalla polizia. Lo riportano i media Usa. Le autorità – si apprende – hanno richiamato nei depositi tutti gli school bus che erano già in strada (a Los Angeles erano passate da poco le 7 del mattino quando è scattata l’emergenza) per svolgere il loro servizio. Al momento non si conoscono altri dettagli sull’allerta lanciata dalle forze dell’ordine, né è chiaro a chi e quando siano state lanciate le minacce. Quello scattato a Los Angeles sarebbe un allarme bomba, in seguito al quale le autorità hanno deciso la chiusura di tutte le scuole e la sospensione di tutte le lezioni a tempo indeterminato. Si tratta del secondo più grande distretto scolastico degli Stati Uniti. Lo riporta il Los Angeles Times. «State lontani dai campus scolastici»: è il successivo appello lanciato dalle autorità di Los Angeles che hanno cancellato tutte le lezioni in città a causa di alcune minacce credibili, probabilmente – riportano ancora alcuni media – un allarme bomba. La minaccia che ha fatto scattare l’allarme è relativa a “zainetti o altri pacchi o oggetti” che eventualmente potrebbero contenere esplosivi e lasciati in alcuni campus scolastici.

Quello di Los Angeles è uno dei distretti scolastici più grandi

Sono circa 640 mila gli studenti delle scuole pubbliche invitati a rimanere a casa. Secondo alcuni media quello che ha paralizzato l’intero sistema scolastico di una città come Los Angeles è un allarme senza precedenti. «Chiediamo ai genitori di non mandare i bambini a scuola – ha detto il presidente dello Unified School District di Los Angeles – Abbiamo bisogno della collaborazione di tutti i cittadini oggi, delle famiglie e del personale scolastico». L’allarme che ha portato alla chiusura di tutte le scuole pubbliche di Los Angeles «non riguarda una, due o tre scuole. Riguarda molti istituti non ancora identificati», ha detto ancora il presidente del distretto scolastico della città californiana Steve Zimmer nel corso di una conferenza stampa, spiegando come tutte le scuole saranno controllate. In azione anche gli agenti dell’Fbi.