L’Italia raddoppia il consumo di olio di palma. Un terzo non è certificato

Raddoppiano in Italia nel 2015 le importazione di olio di palma dalla Malesia. Tra gennaio e ottobre, infatti, in Italia sono arrivate 307 mila tonnellate di olio malese, contro le 184 mila tonnellate dello scorso anno. È il quadro tracciato da Choo Yuen May, direttore generale dell’agenzia governativa Malaysian palm oil board (Mpob), che si occupa della parte industriale del prodotto di punta del Paese che rappresenta il 13 per cento del Pil dopo petrolio ed elettronica. Le piantagioni ricoprono il 16 per cento dei 33 milioni di ettari di superficie facendo della Malesia il secondo produttore ed esportatore al mondo dell’olio vegetale. La Malesia vanta il 25% di olio di palma certificato dall’organizzazione internazionale Rspo (Roundtable on Sustainable Palm Oil), che garantisce la sostenibilità di tutta la filiera; e questo in termini di salvaguardia delle foreste, tutela della biodiversità, condizioni di lavoro e qualità del prodotto. «La Malesia è leader mondiale nella produzione di olio di palma responsabile e di qualità – spiega Yusof Basiron, ad dell’Malaysian Palm Oil Council (Mpoc), l’altra agenzia governativa che si occupa della promozione e commercializzazione – che dimostra come a oggi vi sia consapevolezza presso i retailers italiani delle buone pratiche vigenti in Malesia e dell’impegno dei produttori malesi ad investire nella sostenibilità e nella ricerca».

Olio di palma: il 33% è destinato all’industria alimentare

L’Italia importa 1,6 milioni di tonnellate di olio di palma, di cui il 21% è destinato all’alimentare e di questo l’11% all’industria del dolce. Ma se l’Italia è un Paese virtuoso dove il 70 per cento dell’olio acquistato dalle aziende alimentari è certificato, non tutti lo sono. Il problema denunciato dai produttori malesi è che si riesce a vendere solamente il 50% di olio Rspo che ha dei costi di produzione più alti, ad un prezzo che remuneri la certificazione. Il resto deve essere venduto ad un prezzo più basso, competitivo con gli altri paesi produttori che non certificano il loro olio.