L’effetto Le Pen premia FdI e FI: da un sondaggio Ixè risulta che…

Spostamenti di opinione nel centrodestra sono registrati dal sondaggio Ixè, che questa questa settimana acquista un rilievo particolare perché avviene a ridosso delle elezioni regionali in Francia. La curiosità era: chi beneficia dell’effetto Le Pen?  Dalle intenzioni di voto registrate dall’Istituto Ixè in esclusiva per Agorà (Raitre), risulta che i maggiori beneficiari sono FdI e FI, che crescono entrambi dello 0,6%. Non sembrano  invece usufruire del “vento francese” né la Lega né il M5S, che subiscono una flessione, rispettivamente,  dello 0,5 e dello 0,4. Anche se i grillini non si richiamano all’esperienza del Front national come FdI e la Lega, si pongono comunque nell’area del dissenso europeo rappresentato dalla formazione di Marine e Marion Le Pen. In flessione anche il Pd, passato dal 33,3% al 33,1%.. Se si votasse oggi, l’affluenza sarebbe al 65,5%.

Per quanto riguarda la fiducia, è stabile al 33% quella in Matteo Renzi. Invariata anche la fiducia nel governo al 31 per cento. Sempre saldamente in testa, tra i leader politici, Sergio Mattarella al 62%. Nella settimana in cui si è aperto a Roma il Giubileo, rimane larghissimo il consenso attorno a Papa Francesco, stabile ormai da mesi all’89%.

Ma vediamo, più dettagliatamente,  il quadro completo delle intenzioni di voto (tra parentesi la variazione percentuale rispetto alla settimana precedente): – Pd 33,1% (-0,2). – M5S 26,5% (-0,4). – Lega Nord 14,0% (-0,5). – FI 11,4% (+0,6). – Sinistra italiana  (Si) 4,3% (-0,7). – FdI 4,2% (+0,6). – Ap (Ncd+Udc) 3,0% (+0,4). – Prc 1,1% (+0,2). – Sc 0,5% (+0,1). – Verdi 0,3% ( = ). – Idv 0,2% (-0,1). La rilevazione è stata effettuata da Ixè per Agorà-RAI 3 mercoledì 9 dicembre. Metodologia di rilevazione: sondaggio Cati-Cami su un campione casuale probabilistico stratificato di 1.000 soggetti maggiorenni (su 9.227 contatti complessivi), di età superiore ai 18 anni. Tutti i parametri sono uniformati ai più recenti dati forniti dall’usta I dati sono stati ponderati al fine di garantire la rappresentatività rispetto ai parametri di sesso, età e macro area di residenza.