La coppia Bondi-Repetti: il futuro è Renzi, ci dispiace per Silvio…

Era nell’aria, e ora arriva l’annuncio ufficiale: Sandro Bondi e la compagna Manuela Repetti passano dal gruppo misto al gruppo Ala di Verdini. Con loro, da Forza Italia, anche un altro senatore: Enrico Piccinelli. La motivazione: il progetto “liberale, laico e riformista” è portato avanti solo dal governo Renzi. Repetti, intervistata da Repubblica, osserva ance che non aderisce al Pd per “rispetto” dei suoi elettori visto che quel partito sta vivendo un profondo travaglio. Gli elettori di centrodestra, invece, non li nomina proprio, come se non le interessassero. Inoltre afferma che Forza Italia sta vivendo un disagio, il che è sicuramente vero, ma di qui ad assegnare a Verdini, in quanto artefice del patto del Nazareno, la funzione di futuro leader capace di aggregare le forze disperse del centrodestra per condurle sotto l’ala protettrice di Renzi, ce ne corre. Secondo Repetti, infine, il gruppo di Verdini Ala può “svolgere un ruolo politico molto più importante della sua attuale consistenza numerica”. L’obiettivo? “Credo ci sia uno spazio affinché forze come Ala, Ncd, Fare di Tosi e magari anche Fitto creino un movimento alleato con il Pd di Renzi”. Tiene a precisare, in ogni caso, che il suo compagno Sandro Bondi considera invece “definitivamente conclusa la sua esperienza politica”.