Consulenze d’oro, mano pesante della Fifa: squalifica di 8 anni a Platini e Blatter

Mano pesante, una carriera conclusa (quella dell’eterno Blatter) e un’altra stroncata (quella dello sgomitante Platini). La commissione etica della Fifa ha squalificato per 8 anni da tutti gli incarichi il presidente e il suo vice Platini, travolti dallo stesso scandalo, una consulenza d’oro data da Joseph Blatter – 2 milioni di euro – a favore di Michel Platini nel 2011 per una consulenza svolta per la Fifa fra il ‘98 e il 2002, poco prima delle elezioni presidenziali. Il Comitato ha inoltre multato Blatter di 50mila franchi svizzeri e Platini di 80mila. Secondo il comitato etico della Fifa, “né nella sua dichiarazione scritta né durante la sua audizione, Blatter è stato in grado di dimostrare la presenza di basi legali per questo pagamento, la sua affermazione di un accordo orale non è stato convincente ed è stata respinta”, si legge nelle motivazioni.

Platini e Blatter, un unico destino

Le prove disponibili nel caso di specie – prosegue il verdetto – «non sono state sufficiente a stabilire, nella misura richiesta, se il signor Platini abbia ottenuto il pagamento per l’esecuzione o per l’omissione di un atto ufficiale, tuttavia, il comportamento del signor Platini costituiva una violazione dell’articolo 20 comma 1 della FCE (Offerta e accettare doni e altri benefici)”. Inoltre Platini si è trovato in una situazione di “conflitto di interessi” e ha violato il suo dovere fiduciario con la Fifa “omettendo di agire con la credibilità e l’integrità necessarie, mostrando inconsapevolezza dell’importanza dei suoi doveri e obblighi e responsabilità”. Blatter e Platini potranno presentare appello alla Fifa e poi anche dinanzi alla Corte arbitrale per lo sport. Ma la tempistica del ricorso rischia di impedire all’ex calciatore francese di candidarsi alla presidenza della Fifa il 26 febbraio prossimo.