Comunali, Alemanno: «Il rilancio del centrodestra? Servono le primarie»

Identità e partecipazione. Italia e centrodestra possono, anzi devono ripartire da questo binomio. A esserne certo è Gianni Alemanno, che nel corso di una iniziativa politica a Napoli ha ribadito come questa sia la linea di Azione Nazionale.

Per far ripartire l’Italia, puntare su «identità e sovranità»

«Ripartire dall’identità e dalla sovranità nazionale per promuovere la crescita in Italia, difendere l’interesse nazionale per far ripartire il Paese», ha sollecitato Alemanno intervenendo a un’iniziativa promossa da Azione Nazionale a Eccellenze Campane, il centro polifunzionale di Napoli dedicato al meglio della Regione, a partire dall’enogastronomia. Alemanno quindi ha sottolineato la necessità di «una salda alleanza tra imprese, lavoratori, ceto medio, basata sul lavoro e sulla partecipazione che possa rilanciare l’economia del Paese a cominciare dal Sud per porre fine a un’Italia duale».

Alemanno rilancia le primarie del centrodestra

Ma l’ex sindaco di Roma si è anche soffermato sulle imminenti elezioni amministrative, che questa primavera riguarderanno anche il capoluogo campano. Qui, come a Roma e nelle altre città, l’indicazione di Azione Nazionale resta la stessa: «Il progetto politico per la città deve nascere dal basso, dalla proposta popolare e del mondo associativo», ha sottolineato Alemanno, rilanciando con forza la proposta delle primarie nel centrodestra. «Il candidato sindaco – ha proseguito – non deve essere calato dall’alto, ma deve essere scelto sulla base della più ampia condivisione ed essere frutto di una competizione aperta e partecipata. Ciò – ha concluso Alemanno – costituisce la base di partenza per rilanciare e ricompattare il centrodestra».