Berlusconi attacca: «Pd e M5S, banda di incapaci e sfasciacarozze»

Berlusconi suona la carica al centrodestra proprio nel giorno in cui Renzi si pavoneggia  in tv. Il leader di Forza Italia invita alla mobilitazione i militanti e sostenitori di centrodestra  nel corso di un collegamento telefonico ad una convention di FI  organizzata a San Vitaliano (Napoli) dal deputato Paolo Russo. Secondo Berlusconi ci troviamo in  una «situazione non democratica, non siamo più in una democrazia, l’attuale governo non è sostenuto da maggioranza legittima e ha un presidente abusivo». «Non è solo – incalza Berlusconi – un governo non democratico ma è anche contro il volere del popolo. Abbiamo di fronte una possibilità di terrore e cioè che il paese vada in mano al Pd e a M5S banda di incapaci e sfasciacarrozze. Dunque tocca a noi». «Sarò in campo con voi – continua il leader – per portare il centrodestra unito a vincere le prossime elezioni e governare l’Italia. Possiamo farcela? Sì. Tocca a Berlusconi fare il miracolo».  «Dobbiamo attuare una catena di Sant’Antonio, dobbiamo andare da tutti e chiedere: ma voi siete contenti di come stanno andando le cose?». «Siete contenti dell’assenza di sicurezza, di come va la giustizia, di pagare tasse alte?», ha aggiunto Berlusconi. Da qui la risposta di FI: «Meno tasse, via imposta di successione, aumento limite dei contanti, aumento della pensione minima, pensioni alle mamme». E poi ancora «Si blocca il traffico per Silvio Berlusconi, c’è una vicinanza maggiore perché la gente è consapevole del martirio a cui sono stato sottoposto». «Siamo quelli che dal ’94 si sono sempre battuti sul campo per tante battaglie di libertà. Sono sicuro che la Corte dei diritti dell’uomo ribalterà il verdetto ma anche se Berlusconi resterà incandidabile sarebbe un vantaggio perché gli italiani capirebbero che non ho nessuna ambizione ma lo faccio per il Paese».