A Roma apre la libreria Cultora: spazio agli editori liberi e indipendenti

Investire sui libri, quelli di carta, tradizionalissimi, quelli che gli e-book ancora non hanno soppiantato, è una scommessa ardita. Una sfida. Ci prova, e finora con successo, il più giovane editore d’Italia, Francesco Giubilei, animatore con Daniele Dell’Orco del sito letterario Cultora che da sabato scorso presta anche il nome a una libreria nuova di zecca aperta nel quartiere San Giovanni a Roma (via F.Ughelli 39). Un evento romano fuori dal circuito del centro storico ma non per questo meno interessante (basti pensare che oltre cento persone si sono radunare per l’inaugurazione, tutte mobilitate dal passaparola sul web). Già, perché la libreria Cultora non è una libreria come le altre: ospita solo – per scelta – editori indipendenti e dunque il lettore può trovarvi migliaia di titoli che altrove, nelle librerie-supermarket, non vede esposti e spesso non può neanche ordinare perché i “piccoli” sono trascurati dalla grande distribuzione. Titoli su ogni argomento: dalla fantasy alla letteratura per ragazzi, dalla storia all’arte culinaria, dall’arte alla musica, dal cinema al costume.

Una comunità per appassionati di libri

Francesco Giubilei (fondatore della casa editrice Historica-Giubilei Regnani, cui da pochi mesi si affiancano anche i titoli dell’Idrovolante curati da Daniele Dell’Orco, e autore di una biografia di Leo Leonganesi uscita di recente) ha spiegato che una libreria così è una rarità che potrà sopravvivere solo se riuscirà a trasformarsi in una comunità di appassionati di libri. Uno spazio aperto agli eventi culturali del quartiere  e non solo, un luogo per esporre le novità che gli editori indipendenti in una grande città come Roma si rassegnano a vedere “oscurate”. Un modo per riscoprire il mestiere vero del libraio, che conosce la sua “merce” ed è in grado di consigliare un testo. Un posto che merita una visita. Tutto ciò rimanda al mondo antico delle librerie di qualità, strozzate dai marchi che puntano tutto su quantità e vasto pubblico, attratto solo dai gialli e dalla chick-lit. Ma i due librai di Cultora sono attivissimi anche sul web e uniscono intraprendenza manageriale e dinamicità  all’amore per la carta stampata. La libreria sarà dunque anche lo spazio adatto per le presentazioni dei volumi appena usciti e di quelli in uscita per Historica-Giubilei Regnani: Giornalismo, ritorno al futuro di Pino Scaccia, L’odio politico dall’antica Roma ai giorni nostri di Vincenzo Ciampi, L’altro Msi di Annalisa Terranova, Mamma, Papà non litigate di Alberto Pezzini.