Via lo spot di Natale dai cinema inglesi. Cameron: decisione ridicola

Non è passata inosservata, a Londra, la decisione della Digital Cinema Media – un’azienda che fornisce la pubblicità alle maggiori catene di multisale del Regno Unito – di abolire lo spot natalizio che avrebbe dovuto precedere la proiezione del film Guerre Stellari, il cui nuovo episodio sarà appunto nei cinema inglesi durante le feste di Natale. Il video censurato dalla Dcm conteneva la recita del Pater Noster ed evidentemente è stato ritenuto inadatto a un pubblico laico e laicizzato. Sicuramente la decisione è stata anche influenzata dal clima particolare di queste settimane, e magari lo spot sarà stato reputato indigesto per le comunità musulmane londinese. In difesa della preghiera-cardine dei cristiani è sceso in campo il premier David Cameron, definendo ridicola la decisione di oscurare lo spot. Il sindaco di Londra Boris Johnson gli ha fatto eco giudicando la scelta oltraggiosa e sottolineando che “la preghiera ha duemila anni di storia e permea la nostra intera cultura”. Anche personalità note per il loro ateismo, come la deputata Sarah Wollaston, hanno rilevato che non bisogna rinnegare le nostre radici cristiane. Persino l’imam del quartiere londinese di Hornsey, riferisce il quotidiano Avvenire, ha preso le distanze da una scelta che genera equivoci: “Noi – ha detto l’imam – non ci sentiamo feriti alla recita del Pater Noster né ci offende la diffusione dei valori cristiani”.