Vermi nell’hotel di Salvini, il Pm contro i centri sociali: «La priorità non è l’Isis?»

Con il volto coperto da maschere con il viso di Matteo Salvini, tre giovani sono entrati nella hall dell’hotel Savoia Regency di Bologna, dove è in  programma una convention sulla casa alla quale è annunciato il leader della Lega, e hanno rovesciato a terra sacchetti pieni di vermi. Il blitz, battezzato ‘bigattini su Salvini’, è stato inscenato in via del Pilastro dal gruppo ‘Aurelio band’, vicino al collettivo Hobo che ha diffuso la notizia e anche un breve video dell’azione. Nell’albergo “domani verrà ospitata la convention di Confabitare, associazione dei palazzinari e dei rentier – scrivono gli attivisti in una nota – con ospiti altrettanto di lusso: Salvini, Berlusconi (che non verrà, ndr), viceministri e sottosegretari del governo Renzi. In poche parole: coloro che sono responsabili della condizione di precarietà, impoverimento e crisi in cui ci troviamo”. Per protestare contro il ritorno di Matteo Salvini a Bologna, anche il collettivo Hobo ha organizzato una iniziativa, con un megafoni e azioni di volantinaggio in piazza Nettuno per annunciare un presidio davanti all’hotel dove si terrà la convention”. “E’ veramente incredibile che con quel che sta accadendo in Europa ed il clima che si respira anche in Italia, si debbano impegnare forze dell’ordine per gesti irresponsabili quali lo sversamento di vermi presso l’albergo Savoia Regency”. E’ il commento del procuratore aggiunto di Bologna Valter Giovannini.