Uccide a colpi d’ascia i genitori: aveva contatti con una setta satanica

Un altro orrore in famiglia. Un giovane di 27 anni con problemi psichici e di tossicodipendenza ha ucciso a colpi d’ascia il padre e la madre. L’omicida si chiama Ivan Famiglietti e  viveva con i genitori in un paesino nell’Avellinese tra Sturno e Frigento. Il giovane, secondo una prima ricostruzione degli investigatori, prima di aggredire i genitori, Mario di 55 anni e Maria Covino di 56, li avrebbe sedati. Il padre, colpito alla testa è morto sul colpo. La madre è rimasta gravemente ferita ed è deceduta poco dopo in ospedale. Dopo averli uccisi il duplice omicida è fuggito, ma la sua corsa è durata poco. I carabinieri dopo aver battuto le campagne circostanti alla sua abitazione lo hanno trovato e arrestato. L’uomo poi condotto nella caserma di Frigento ha confessato il duplice omicidio.

Uccide con l’ascia, il giovane aveva contatti con una setta satanica

Da fonti invetigative si è appreso, inoltre, che Ivan Famiglietti ha intrattenuto contatti via Facebook con una setta satanica. Un anno e mezzo fa, aveva anche decapitato la statua di san Michele Arcangelo, patrono di Sturno, e in una più recente occasione avrebbe anche vandalizzato un’altra statua del santo, in una cappella di campagna, portando via l’effige del demonio.