Suocera e nuora massacrate in casa dai ladri: fermati due romeni

Due uomini di nazionalità romena sono stati fermati per la brutale aggressione di due donne, suocera e nuora di 84 e 53 anni, avvenuta il 6 novembre a Renazzo di Cento, nel ferrarese. Le due, ridotte in fin di vita, li avevano scoperti in casa mentre tentavano di derubarle.

I due romeni accusati di rapina e tentato omicidio

Gli aggressori hanno 22 e 26 e, come riferito dal sito del quotidiano La Nuova Ferrara, che ha divulgato la notizia del fermo, il più anziano dei due aveva in uso l’auto che fu vista scappare dalla casa delle vittime. Gli investigatori sarebbero riusciti a risalire ai malviventi proprio grazie alla macchina, una Audi A6: qualche tempo fa era stata fermata dai carabinieri per controlli e i passeggeri erano stati identificati. Incrociando i dati, si è quindi arrivati ai due arresti firmati dal pm Filippo di Benedetto. Le accuse per entrambi i malviventi sono di rapina e tentato omicidio.

Suocera e nuora ridotte in fin di vita per 300 euro

A causa delle violenze, entrambe le vittime erano state ricoverate in prognosi riservata: la donna di 84 anni aveva riportato un trauma cranico, mentre per la nuora, finita intubata, era stato necessario l’intervento dell’elisoccorso. Secondo quanto ricostruito, i ladri, una volta scoperti, le avevano colpite con un bastone. Il tutto per un bottino di appena 300 euro.