Roma, tenta di violentare una donna in un sottopassaggio: bulgaro arrestato

Urla disperate, paura, le sirene della polizia. L’ennesimo episodio di violenza in una Roma che è sempre più nelle mani dei delinquenti. Un bulgaro ha tentato di violentare una donna in un sottopassaggio della Capitale. Minuti di terrore e di violenza. L’uomo, di 44 anni, alla fine è stato arrestato dalla polizia.

L’aggressione da parte del bulgaro nel sottopassaggio

Erano quasi le tre di notte, quando al 113 è arrivata la telefonata di un cittadino che sentiva delle grida di aiuto di una donna che provenivano da un sottopassaggio nel quartiere Nomentano. La sala operativa della Polizia di Stato ha inviato subito un equipaggio. Gli agenti del commissariato Porta Pia, diretto da Stefania D’Andrea, sono giunti nell’arco di pochi secondi e hanno individuato il punto da cui provenivano le grida. Sotto un cavalcavia hanno trovato il bulgaro che, dopo averle bloccato le mani, cercava di violentare una trentenne. L’uomo è stato fermato immediatamente e nello stesso momento gli agenti si sono presi cura della vittima. La ragazza, che nel tentativo di difendersi ha riportato varie ferite, dopo essersi ripresa dallo choc, ha raccontato agli investigatori che l’uomo l’aveva fermata mentre camminava e, dopo averla picchiata e rapinata della sua borsetta, l’aveva trascinata nel sottopassaggio, dove è stata trovata dagli agenti. L’uomo è stato arrestato per rapina aggravata e violenza sessuale e portato nel carcere di Regina Coeli a disposizione dell’autorità giudiziaria.