Rimini, parroco aggredito per dieci euro. Lividi e due costole rotte

Il volto e i polsi lividi. Due costole rotte. Ma si sente fortunato a poterlo raccontare. È successo a Gino Tamagnini Ricci, 75 anni, storico parroco della parrocchia di San Martino Monte l’Abate nel riminese. Come ogni giovedì pomeriggio il sagrestano si era presentato in chiesa, per aprire in vista della funzione delle 18,30, quando è stato aggredito da due extracomunitari, bloccato e legato.

Assalito parroco

«Dammi i soldi, dammi le chiavi della cassaforte», gli ha intimato uno dei due malviventi con accento nordafricano. Il parroco non ha avuto il tempo di reagire: i due uomini gli sono piombati addosso e mentre uno gli è montato sulla schiena, rompendogli due costole, l’altro ha cercato di legargli i polsi. L’anziano parroco è riuscito solo a dire: «Guardate che tra poco inizia la messa e arriveranno diverse persone». A quelle parole i due uomini sono scappati, afferrando lo smartphone nuovo del 75enne e il portamonete con dentro appena 10 euro. Dopo poco sono arrivati infatti, sono arrivati alcuni parrocchiani che hanno lanciato l’allarme e chiamato il 113. Sul posto è arrivata la volante della polizia ma i malviventi nordafricani si erano già dileguati scappando attraverso i campi.