Precipita un cargo russo. E l’Isis in un video minaccia il “maiale” Putin

Un aereo cargo russo, un Antonov 12, è precipitato nella capitale del Sudan del Sud, Giuba, poco dopo il decollo. Il velivolo è caduto su un’isoletta sul Nilo Bianco dove sorgono delle case di pescatori mietendo vittime tra gli abitanti. Lo sostengono media locali citati dalla Tass, secondo cui le vittime sono in tutto 41, tra cui sette bambini. Tre i sopravvissuti. Ancora sconosciute le cause. L’equipaggio dell’aereo era composto da cinque cittadini armeni e da un russo.

Si tratta del secondo incidente che coinvolge aerei russi mentre si rafforza l’ipotesi terroristica per l’Airbus caduto sul Sinai (e il cui abbattimento è stato rivendicato dall’Isis anche se l’inchiesta non ha ancora accertato le cause dello schianto). Il Cremlino continua tuttavia a ripetere che ogni pista è valida: Putin ha infatti bisogno di tempo per decidere un’eventuale contromossa nel caso in cui venisse suffragata l’ipotesi di un attentato.

C’è poi un nuovo video di propaganda dell’Isis che  plaude allo schianto dell’aereo russo nel Sinai, con a bordo 224 passeggeri, e avverte il presidente russo Vladimir Putin, definendolo “maiale”, che questo è solo l’inizio della vendetta per i raid in Siria. Lo riferisce la Cnn, la quale precisa che non è possibile verificare l’autenticità del video.