Omicidio stradale, Matteoli: «Si eviti l’emotività, servono innanzitutto i controlli»

Quello sull’omicidio stradale è «un testo forcaiolo, frutto dell’emotività del legislatore data dalle tante lettere e richieste dei familiari delle vittime della strada». Lo ha detto Altero Matteoli, presidente della VIII commissione Lavori Pubblici del Senato, intervenuto alla 70esima Conferenza del traffico e della circolazione dell’Aci a Roma, sottolineando però che certamente «servono più controlli per la sicurezza stradale». Problematiche queste a cui il Parlamento ha dedicato spazio, ha detto Matteoli aggiungendo però che «scaricare i problemi solo sui legislatori è sbagliato».

Da Matteoli a Meta: fondamentale la certezza della pena

«Anche pensando al dibattito di questi giorni, che non voglio mettere assolutamente a paragone, sono sempre più convinto che dobbiamo fare un passo in avanti sulla questione controlli», ha affermato Michele Pompeo Meta, presidente della IX Commissione Trasporti della Camera. Sulla sicurezza stradale Meta ha ribadito che «è una vera emergenza di morti e feriti» e che «ogni anno si cancella dalla cartina un paese di 2.500 persone» «È fondamentale la questione della certezza della pena – ha concluso – che va accompagnata da uno sforzo: aumentare i controlli, bassi nel nostro Paese».