Nel Milanese preside grillino abolisce i cori natalizi. Protestano i genitori

Un concerto di Natale in una scuola del Milanese è stato rinviato e il crocifisso “rimosso” in nome “della laicità”. L’episodio, probabilmente destinato a suscitare polemiche, segue quello avvenuto in un istituto del Bergamasco dove è stata cancellata la canzone Adeste Fideles. Nel caso della scuola del Bergamasco la preside, una ex catechista, aveva poi specificato che in realtà non era sua intenzione abolire la recita di Natale ma solo sostituire il canto in latino con un altro più semplice da far apprendere agli alunni. A riportare il nuovo caso è stato il quotidiano Il Giorno. Il giornale scrive che all’Istituto comprensivo Garofani di Rozzano (Milano) “hanno deciso di applicare una linea rigorosamente improntata alla laicità in occasione dei festeggiamenti natalizi che cadono dopo la strage terroristica di Parigi. Una linea contestata da un gruppo di genitori, che sta preparando una lettera di protesta contro la scelta del dirigente scolastico reggente Marco Parma (già candidato sindaco per la lista civica ‘Aria pulita’ e per il M5S a Rozzano)”. “Nel mirino dei genitori – scrive il quotidiano – è finita innanzitutto la cancellazione della ‘Festa musicale di Natale’ che negli ultimi anni si era tenuta a teatro”. Un appuntamento con canti e cori non solo natalizi. Ma quest’anno alcuni genitori avevano chiesto di inserire alcuni canti più squisitamente natalizi come Adeste fideles e Tu scendi dalle stelle.