Meloni: “Vinciamo le amministrative: se Renzi le perde deve andare a casa”

Una Giorgia Meloni scatenata, quella che ha parlato per prima, tra i tre leader del centrodestra, sul palco di Piazza Maggiore a Bologna. La leader di Fratelli d’Italia ha detto che “da questa piazza nasce un fronte anti-Renzi per mandare a casa un governo di servi. Mi piacerebbe che da qui noi lanciassimo un altro appuntamento, non come singoli partiti ma come fronte unico. In una piazza simbolica , come potrebbe essere piazza San Giovanni e Piazza del Popolo a Roma, magari a gennaio 2016. Tutti insieme per aprire la campagna per le amministrative: se Renzi le perde deve andare a casa e deve capire che gli italiani non lo vogliono. Questo è solo l’inizio: da domani siamo più forti e inizia una nuova storia”, si legge su “Libero”.

Meloni: “ci rivediamo a piazza San Giovanni e Piazza del Popolo a Roma, magari a gennaio 2016”

“Oggi qui a Bologna scegliamo di dire basta al governo del duo comico Renzi-Alfano: ci fossero stati Stanlio e Ollio le cose sarebbero andate meglio, se non altro ci saremmo risparmiati qualche figuraccia con l’inglese”. “Renzi – si legge su “Il Tempo” – non sa neanche leggere la bussola: nella legge di Stabilità non c’è nessun taglio agli sprechi, né taglio tasse. Stanno lì a vantarsi di togliere norme ridicole introdotte da loro, mettono Marino a fare il sindaco poi lo sfiduciano e vogliono essere ringraziati: siate coerenti e dimettetevi, adesso andate a casa”. Poi un commento “Sono quattro gatti, e nonostante questo la città è blindata. Quei quattro scemi dei centri sociali anche oggi stanno devastando Bologna, fanno di lavoro i contestatori perchè sono figli di papà e difesi dalla sinistra radical chic”.

Attacco forte a centri sociali e contestatori radical chic

“C’e’ un’Italia che vuole ancora essere libera dalla paura e dalla rassegnazione”, ha detto ancora Meloni, invitando a dire basta a quello che ha definito ‘il duo comico Renzi- Alfano’. “Non vogliamo un mondo ipocrita al contrario – ha aggiunto Meloni- anche quando si parla di famiglia”. E sulla sicurezza, ha incalzato: “se lo stato non e’ in grado di difenderti, non puo’ impedire la legittima difesa, che e’ legittima sempre” invitando a stanziare piu’ risorse per le forze dell’ordine.