Isis, allarme cyber-attacchi in Gran Bretagna. «Vogliono colpire ospedali e strade»

Una guerra senza confini che sfocia anche nei crimini informatici. L’Isis vorrebbe allargare il suo raggio d’azione: non solo stragi, massacri e distruzione di luoghi simbolo, ma  punta anche ad acquisire il know-how per sferrare cyberattacchi in Gran Bretagna. L’allarme è contenuto in un discorso che il cancelliere dello Scacchiere, George Osborne, pronuncerà al Quartier generale del governo per le comunicazioni (Gchq) – a Cheltenham – secondo un’anticipazione della Bbc online. L’Isis, secondo Osborne, «non ha ancora la capacità» di sferrare cyberattacchi, «ma sappiamo che sta facendo di tutto per acquisirla».

Isis, Osborne raddoppierà i fondi  per combattere i cyberattacchi

L’organizzazione vuole colpire le infrastrutture chiave del Paese come la rete elettrica, il sistema di controllo del traffico aereo o gli ospedali e l’impatto di simili attacchi non si «misurerebbe solo in termini di danni economici ma anche di perdite di vite umane», si legge anciora nel discorso del cancelliere dello Scacchiere. Osborne raddoppierà i fondi per combattere contro il crimine informatico nell’ambito degli sforzi per proteggere il Regno Unito dalla minaccia dello Stato islamico dopo gli attacchi di venerdì a Parigi. La promessa di Osborne sarà l’investimento di 1,9 miliardi di sterline all’anno entro il 2020