Gigi D’Alessio a processo per rapina: strappò via l’attrezzatura ai paparazzi

Prosciolto dall’accusa di lesioni, ma rinviato a giudizio con quella di rapina. Gigi D’Alessio dovrà dunque rispondere di una nuova accusa in relazione all’acceso diverbio che ebbe nel 2007 con alcuni fotografi, appostati nei pressi della sua casa dell’Olgiata.

Gigi D’Alessio a processo il 25 febbraio

Il cantante sarà a processo il 25 febbraio, davanti ai giudici della prima sezione penale di Roma, insieme a un collaboratore a sua volta coinvolto nella baruffa, in cui i paparazzi rimasero feriti. In un primo momento, entrambi erano stati condannati in primo grado a nove mesi di reclusione con l’accusa di lesioni legate all’esercizio abusivo delle proprie ragioni. I giudici d’Appello, però, hanno di fatto annullato quella condanna rinviando gli atti alla procura perché riformulasse il reato. Si giunge così all’attuale accusa di rapina, giustificata con il fatto che D’Alessio e il suo assistente strapparono le macchine fotografiche dalle mani dei paparazzi.