È il gas la vera arma segreta di Putin: cercate di non farlo arrabbiare…

È ancora guerra del gas tra Ucraina e Russia, con Mosca che ammonisce sui possibili rischi per il transito del metano verso l’Europa. Ma questa volta la situazione è diversa: è Kiev che ha deciso di non acquistare più gas, costringendo Gazprom a interrompere le forniture, mentre la Ue non sembra particolarmente preoccupata degli effetti nel vecchio continente. La decisione di Kiev fa salire comunque la tensione con il Cremlino, riesplosa dopo il blackout della Crimea causato dal sabotaggio delle linee elettriche al confine ucraino per mano di anti-russi e aggravata anche dalla chiusura dello spazio aereo a tutte le compagnie aeree russe contro non meglio precisate «provocazioni». Dopo un’interruzione la scorsa estate, le forniture di metano russo all’Ucraina erano riprese a metà ottobre grazie a un accordo con la mediazione europea, un pacchetto invernale in base al quale sino alla prossima primavera Kiev deve pagare in anticipo per i volumi richiesti. Ma Gazprom ha annunciato che Naftogaz ha prelevato la totalità dei volumi di gas già pagati e che, non avendo ricevuto altri pre-pagamenti ha interrotto l’erogazione del gas. Il colosso energetico russo ha inoltre ammonito sui gravi rischi per le forniture in Europa attraverso il territorio ucraino e la copertura del fabbisogno dei consumatori ucraini durante il prossimo inverno a causa del livello ”insufficiente” delle riserve sotterranee ucraine. Il governo di Kiev ha voluto però precisare che «non sono loro (i russi, ndr) che non ci forniscono più il gas, ma siamo noi che non lo compriamo più», perché i prezzi del gas offerti dall’Europa sono migliori di quelli di Mosca (nel terzo trimestre 247,18 dlr). Kiev si sta infatti emancipando dalla dipendenza energetica russa con la propria produzione di gas e importandone dalla Slovacchia con il sistema del reverse flow. Non solo.

L’Ucraina ha detto che non comprerà più gas da Gazprom

«Da un anno e mezzo, abbiamo dimostrato che siamo in grado di garantire il transito del gas russo senza interruzioni indipendentemente dal fatto che l’Ucraina acquisti o meno», si è vantato il capo di Naftogas, Andrii Kobolev. La Commissione europea, tramite un portavoce, ha fatto sapere di non avere «alcuna preoccupazione particolare per quanto riguarda i flussi di gas dalla Russia verso l’Ucraina» e che le riserve di gas europee «sono piene», a oltre l’81%, mentre quelle di Kiev sono leggermente più alte (16,5 mld di metri cubi) dell’anno scorso nello stesso periodo. Nessuna preoccupazione neppure per il nostro Paese: il ministro dello Sviluppo economico Federica Guidi ha reso noto che i flussi sono normali e che gli stoccaggi italiani di gas «sono stati riempiti durante il periodo estivo in modo pressoché totale» (oggi siamo al 90% del grado di riempimento). Ma la tensione tra Kiev e Mosca risale, in coincidenza con il riavvicinamento della Russia all’Occidente per la lotta all’Isis, una riconciliazione temuta dall’Ucraina. Il presidente russo Vladimir Putin ha criticato le autorità ucraine per il blackout elettrico della Crimea, sostenendo che «questi problemi non si sarebbero verificati senza il loro tacito consenso». A inasprire ulteriormente il conflitto, dopo la recente decisione di bloccare anche le fornitura delle merci alla Crimea, anche il citato il divieto dello spazio aereo per le compagnie russe, motivato con «possibili provocazioni». Come quelle, ha lasciato intendere il governo ucraino, del jet russo abbattuto da F16 turchi per un presunto sconfinamento: una vicenda nella quale Kiev ovviamente si schiera con Ankara.