Firenze, Manson canta e brucia la Bibbia alla vigilia della visita del Papa

Un concerto a Firenze alla vigilia dell’arrivo di papa Francesco e Marilyn Manson, la rockstar satanista un po’ per moda un po’ per convinzione, alla fine dell’esibizione non delude i suoi fan bruciando la Bibbia. Un “rito” collaudato per chiudere i concerti da parte del cantautore “maledetto”.  Il gesto non è passato inosservato, ed è stato interpretato come un “particolare” saluto al Papa in una serata in cui circa tremila fan hanno applaudito il “reverendo” Manson. La Bibbia è stata bruciata durante l’esecuzione di uno dei suoi successi, “Antichrist Superstar”. Alcuni versi della canzone recitano: “La luna ha eclissato il sole/
L’angelo ha allargato le ali/ E’ giunta l’ora di cose amare/ E’ giunto il tempo è abbastanza ovvio/ Il nostro anticristo/ E’ quasi arrivato… E’ fatta

Alla serata ha partecipato anche Raffaele Sollecito, che si è concesso ai selfie con alcuni giovani che lo hanno riconosciuto. Manson, che è stato ordinato «reverendo» della californiana Church of Satan («Chiesa di Satana»), tra le cose abominevoli che compie quando si trova sul palco, oltre a strappare e bruciare la Bibbia, vomita bestemmie contro Gesù Cristo.