Trova una busta con 5300 euro, si pente e la restituisce: crisi di coscienza

Trova una busta con 5300 euro in contanti e se li porta a casa, ma dopo una notte passata a rifletterci sopra si pente e va dai carabinieri a consegnare il denaro. I soldi appartenevano a un imprenditore di Santa Margherita, che aveva sporto denuncia di smarrimento.

 La busta con 5300 euro nelle mani della donna genovese

È successo nei vicoli del centro storico di Genova, quei carruggi che di solito sono sulle pagine dei giornali perché teatro di furti e rapine. Protagonista una donna di quarant’anni. «Lavoro in un’impresa di pulizia e per guadagnare tutti quei soldi dovrei sgobbare a pulire uffici e scale per quasi un anno», ha detto. La busta con 5300 euro se l’era trovata davanti ai piedi uscendo da un bar di Galleria Mazzini dove era andata a prendere un aperitivo. Quando ha visto tutti quei bigliettoni in contanti non ci ha pensato su neanche un minuto e se li è messi in tasca. Ma una volta tornata a casa la donna invece di fantasticare su come avrebbe potuto spenderli ha avuto una crisi di coscienza, tanto da non riuscire a dormire. La mattina seguente non ha avuto dubbi: ha preso la busta con i soldi e l’ha consegnata alla stazione dei carabinieri Maddalena, la più vicina a casa, in via Ponte Calvi, nei vicoli dove lei vive: «Ho trovato questo denaro, restituitelo a chi l’ha perso». Un gesto nobile che però le ha anche evitato possibili grattacapi, anche se questo non lo sapeva. Nelle stesse ore, infatti, la donna era stata riconosciuta dalle immagini delle telecamere installate davanti al bar dove aveva trovato la busta. Da lì a poco i carabinieri sarebbero andati a bussare a casa sua per chiederle conto del denaro. Non ce n’è stato bisogno. In caserma l’imprenditore che aveva smarrito i soldi l’ha ringraziata con parole di grande stima, una stretta di mano e una mancia di 250 euro.