Renzi come Marino: si “imbuca” nel ritiro degli Azzurri per farsi un selfie

La solita passerella, per la serie “come salire sul carro del vincitore”, nel caso specifico prima ancora che si sia vinto qualcosa, visto che Matteo Renzi è andato a celebrare la Nazionale di calcio fresca di qualificazione agli Europei 2016, un traguardo mai fallito negli ultimi anni, cosa ben diversa dalla vittoria del trofeo contintentale o mondiale. Ma tant’è, di questi tempi tutto fa brodo, per Renzi, anche un selfie con i calciatori italiani che si preparavano a scendere in campo contro la Norvegia, all’Olimpico. Dopo la corsa a New York per festeggiare le due tenniste italiane, Flavia Pennetta e Roberta Vinci, Renzi è corso nel ritiro azzurro con fotografi al seguito. «Complimenti a tutti, e continuate a farci divertire», ha detto il presidente del consiglio appena arrivato nel ritiro della nazionale. Renzi – informano le note stampa –  “ha voluto salutare i giocatori uno per uno, scambiando con tutti qualche parola”.

Renzi e il volo di Stato per New York

Matteo Renzi era volato il mese scorso a New York per assistere alla storica finale tutta italiana dell’Us open di tennis tra Flavia Pennetta e Roberta Vinci. Annullati tutti gli impegni, e via sull’aereo di Stato con il presidente del Coni Giovanni Malagò. Renzi era atteso alla Fiera del Levante per un intervento che si annunciava importante sul fronte dell’economia e del Sud ma a Bari era andato il sottosegretario alla Presidenza Claudio De Vincenti, che aveva bollato come «ridicole» le polemiche sulla partenza del premier per New York, che invece erano infuriate per giorni.