Putin: «Sono una colomba ma ho le ali di ferro». I raid russi spiazzano l’Isis

«Io sono una colomba ma dalle ali di ferro molto potenti». Ad affermarlo è Vladimir Putin, che continua a dare scacco agli Usa e a un’Europa che resta immobile di frotne a qualsiasi emergenza, persino di fronte alla sete di sangue dell’Isis. Dopo aver risposto, il leader del Cremlino ha anche mimato il volo di questa potente colomba, come riferisce il quotidiano Kommersant online.

Le ali di ferro di Putin

La ali di ferro di Putin si vedono sempre di più. «L’operazione russa in Siria è assolutamente legittima e mira solo a ristabilire la pace e ad effettuare colpi preventivi sui terroristi», ha specificato, rispedendo al mittente le critiche e i sospetti. Nelle ultime 24 ore l’aviazione militare russa ha compiuto 50 nuovi raid su 94 obiettivi dei terroristi in sei province della Siria: Hama, Idlib, Latakia, Aleppo, Damasco ed Deir ez-Zor. Il ministero della difesa russo ha spiegato che in particolare sono state distrutte tre roccaforti dell’Isis nei pressi di Latakia e un deposito di munizioni nella provincia di Damasco. Negli ultimi tre giorni sono stati colpiti in tutto 285 obiettivi dell’Isis.

Intanto fa ancora notizia il record di popolarità in patria per Putin. Secondo un sondaggio dell’istituto Vtsiom, pubblicato a tre settimane dall’inizio dei bombardamenti dei jet di Mosca in Siria, l’89,9% dei russi sostiene l’operato del proprio presidente. Il leader del Cremlino ha voluto poi specificare che terroristi non dovrebbero essere divisi tra moderati e non moderati. E anche questo rompe l’ipocrisia di parte dell’Occidente.