Preparavano un attentato a Mosca: arrestati dieci sospetti terroristi

Dopo Ankara, anche Mosca nel mirino degli attentati terroristici. Nel caso russo, però, il lavoro di prevenzione delle forze di intelligence e il coordinamento con l’azione delle forze dell’ordine, hanno permesso di agire tempestivamente e di stroncare sul nascere i progetti di morte.

Mosca, dieci persone arrestate: preparavano un attentato

E allora, in base a quanto riferito da una fonte delle forze dell’ordine citata da Interfax, sarebbero dieci le persone arrestate a Mosca perché sospettate di preparare un attacco terroristico nella capitale russa; mentre in base a quanto riportato dal tabloid Moskovski Komsomolets, che cita una fonte degli inquirenti, gli arrestati sarebbero 15, tra cui tre cittadini siriani e 12 del Caucaso settentrionale, compresa la Cecenia. Si tratterebbe comunque, in generale, in gran parte di cittadini dell’Asia centrale. Nell’operazione è stato sequestrato un ordigno esplosivo della potenza di circa 5 kg di tritolo, un’arma che avrebbe caratteristiche simili a quelle usate nel recente sanguinoso attentato di Ankara, e si ipotizza che avrebbe dovuto essere attivata con un cellulare.

Nel mirino la metro e l’aeroporto di Mosca?

Le informazioni su target, modalità terroristica, armi e killer in azione, risultano ancora molto frammentarie e riportate da più fonti: e allora, stando al sito Sputnik, che riferisce di tre arresti seguiti da un’altra decina, l’obiettivo selezionato avrebbe potuto essere o la metro o un aeroporto di Mosca. Nel blitz nel palazzo dove sono stati arrestati i sospetti terroristi sono state evacuate oltre cento persone ed è stata interrotta l’erogazione del gas.