Porte aperte ai profughi, 400 denunce contro la Merkel: «Alto tradimento»

Angela Merkel nei guai. Circa 400 denunce sono state presentate contro la Cancelliera  di ferro alla procura generale federale tedesca con l’accusa di “Alto tradimento” per la politica sui profughi. Lo ha riferito una portavoce della procura, confermando un’indiscrezione riportata dal quotidiano berlinese Tageszeitung (Taz).

Merkel nei guai

Top secret, però sui contenuti delle denunce contro la Merkel. Secondo la Tageszeitung, si tratta di una campagna organizzata da organizzazioni di  destra che imputano alla cancelliera di aver tradito la Germania con la politica di porte aperte verso i profughi. Secondo i denuncianti, le scelte della Merkel «pregiudicano l’esistenza stessa del paese e ne mettono in pericolo l’ordine costituzionale».

Clima pesante

Le denunce, aggiunge un esperto del giornale della capitale, molto probabilmente non supereranno neppure l’esame preliminare, giacché l’alto tradimento presuppone da parte dell’autore un’azione violenta o con minacce di violenza. Sono però indicative del clima di forte polarizzazione che si vive nel paese e del calo di popolarità di frau Merkel.

Destra all’attacco

Sul sito di una rivista vicina agli ambienti della destra è possibile addirittura scaricare un modello prestampato per presentare denuncia contro la cancelliera. Alcune settimane fa, Alexander Gauland, leader della sezione brandeburghese del partito anti-immigrati Alternative fuer Deutschland, aveva annunciato di aver presentato, a nome del partito, un’analoga denuncia contro Merkel.