L’assessore di Marino bestemmia in aula: «Quando vedo un fascista…»

Sì, proprio lui, Stefano Esposito, l’assessore di Ignazio Marino tristemente famoso per aver intonato “Roma merda”. Ne ha combinata un’altra nell’aula del Campidoglio, davanti a tutti. In un diverbio con il consigliere di opposizione Dario Rossin, l’assessore ha bestemmiato. Poi si è scusato in modo assurdo: «Chiedo scusa per la bestemmia scappata in assemblea capitolina. Purtroppo quando un fascista mi aggredisce, perdo un pochino la testa», ha infatti scritto su twitter.

Stefano Esposito, un atteggiamento ingiustificabile

Tutto ha inizio quando Rossin se la prende per «l’atteggiamento scocciato dell’assessore». E Stefano Esposito sbotta: «Mentre lei parla io sto lavorando a due cose contemporaneamente. A questo punto Rossin ha lasciato la propria postazione. Durante il diverbio all’ assessore è “scappata” una bestemmia. Sull’episodio è intervenuto anche Francesco Aracri, senatore di Forza Italia: «La gestione del Campidoglio da parte del Pd e di Marino è sempre più drammatica e caotica. Dispiace, in questo contesto, registrare il comportamento dell’assessore Esposito nei confronti del consigliere Rossin. Non vorremmo che l’assessore Esposito si sia fatto influenzare dai comportamenti inurbani e arroganti del suo sindaco. Democrazia é anche capacità di rispettoso ascolto delle altrui idee».

Rossin dopo l’accaduto ha chiesto a gran voce «pubbliche scuse da parte di Stefano Esposito che si è reso responsabile di un atteggiamento intollerabile durante la seduta. Si è rivolto a me, che in quel momento rappresentavo l’opposizione, con fare arrogante e proferendo addirittura una bestemmia ripresa in video dal collega Pomarici. Da cattolico credente mi sento profondamente offeso. Chiedo le immediate dimissioni di Esposito». La polemica infuria. «Abbiamo assistito in questi due anni e mezzo a numerose bugie da parte dell’ allegro chirurgo: la panda bianca, i 700 bus che sarebbero dovuti arrivare per il Giubileo, l’invito del Papa, il viaggio pagato per Filadelfia. Ma mai – sottolinea il capogruppo di Forza Italia della regione Lazio Antonello Aurigemma – ci saremmo aspettati che una delle sue ultime perle sarebbe stata quella di nominare un senatore assessore bestemmiatore. Penso sia il caso che l’assessore Stefano Esposito rassegni le sue dimissioni, per rispetto dei cittadini, dopo aver chiesto scusa a tutti».