De Luca contro la Bindi: «Difesa solo da un ballerino di flamenco»

Non rinnega nulla di quanto detto e anzi rincara la dose. Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, torna con ironia sulle polemiche seguite alle dichiarazioni su Rosy Bindi. E attacca Miguel Gotor, il deputato dem fedelissimo a Bersani che aveva difeso la presidente dell’Antimafia. «L’unico momento veramente di commozione ed emozione – ha detto De Luca a Lira Tv – me lo ha determinato uno di quelli che hanno sofferto di più, tale Miguel Gotor. Pensavo fosse un ballerino di flamenco, un tanguero. Mi hanno detto che era un parlamentare. Ha lanciato il grido di dolore più straziante, mi hanno detto che vuole dichiararsi prigioniero politico: a lui solidarietà e cristiana comprensione».

De Luca e le polemiche sulla Bindi

Poi ha ribadito il suo pensiero sul presidente dell’Antimafia: «Ha offeso la dignità di chi ha consumato la vita nelle battaglie per la legalità, contro la camorra. È impresentabile sotto tutti i punti di vista, non ho detto nulla di nuovo rispetto a quando l’ho querelata per diffamazione». E il rimprovero sulla sua esistenza? «C’è stata teatralità mista a farisaismo: mi riferivo alla sua esistenza politica».