Contrordine aspiranti fidanzate: il Cav e la Pascale non si sono lasciati

E, niente, l’illusione è durata lo spazio di mezza giornata: no, Silvio Berlusconi e Francesca Pascale non si sono lasciati. Fan, innamorate, aspiranti fidanzate e miliardari (sì, proprio miliardari maschi) disposti a una unione civile possono mettersi l’anima in pace: la notizia sparata da Repubblica nel titolo dell’intervista al Cav è falsa. O, meglio, era solo una battuta. Lo ha chiarito lo stesso Berlusconi, affidando il suo sconcerto a una nota ufficiale.

La ricostruzione di “Repubblica”

«Lui mai se la sarebbe persa», ha scritto Repubblica, parlando non della Pascale, ma di Nunzia De Girolamo della quale Berlusconi è accorso a festeggiare i 40 anni e il rientro in Forza Italia. «Mai se la sarebbe persa. Anche a costo di presentarsi senza Francesca Pascale (le due non si prendono) e ripetere un paio di volte la battuta “sono tornato single, ora cerco un miliardario per un matrimonio o una unione civile», si leggeva ancora su Repubblica, che evidentemente ha giocato sull’equivoco. E sulle voci di una rottura circolate nelle ultime settimane, a partire dalle notizie legate all’acquisto di una villa in Brianza in cui la bella Francesca ha traslocato, lasciando Arcore.

La smentita di Berlusconi

«Spiace constatare che battute ironiche e paradossali, pronunciate in un contesto scherzoso e festoso, vengano propalate su alcuni giornali come dichiarazioni serie riguardanti il mio rapporto con la signora Francesca Pascale, rapporto che non è in discussione e che continua come sempre», recitava il comunicato di smentita di Berlusconi, in cui invece non è stato fatto alcun accenno a questioni come la candidatura di Alfio Marchini a sindaco di Roma, che rischia di far saltare il centrodestra prima ancora che si ricompatti. Ma potrebbe essere una scelta più che ponderata: del resto, cosa c’è di più politicamente sensibile di un fidanzamento rotto alla vigilia di una tornata elettorale?