Clamoroso dietrofront: l’Imam antisemita invitato dalla Boldrini dà forfait

Il grande Imam di Al Azhar Ahmed El Tayyeb ha annunciato che è stata rinviata la sua visita in Italia prevista per mercoledì prossimo. In una nota il centro al Azhar ha precisato che il rinvio è dovuto a impegni istituzionali in Egitto dell’imam. Una dichiarazione diplomatica che non cancella le polemiche dei giorni scorsi. Sul Secolo d’Italia siamo stati tra i primi a parlarne, denunciando l’impudenza, per non dire altro, della presidente della Camera Boldrini. Il Grande Imam era stato invitato a tenere una ‘lectio magistralis’ il 21 ottobre a Montecitorio nell’ambito di un convegno sul tema ‘Islam, religione di pace’. L’università Al Azhar del Cairo è il centro teologico più importante dell’Islam sunnita. Nei giorni scorsi è scoppiata una polemica tra quanti considerano al Tayyeb un “antisemita” e chi invece ritiene sia il portavoce dell’islam moderato, interlocutore imprescindibile per combattere il terrore dello Stato Islamico. In realtà Tayyebe si è contraddistinto per la continua  propaganda contro Israele , di cui invoca la distruzione, e per l’esaltazione dei terroristi islamici, considerati martiri nel nome di Allah. Dopo le polemiche , alla presidente della Camera Laura Boldrini alcuni parlamentari avevano chiesto espressamente di revocare l’invito. Anche la comunità ebraica romana, per bocca della presidente Ruth Dureghello, aveva espresso perplessità sulla scelta di invitare l’Imam in Parlamento.